CANTI POPOLARI TOSCANI

“La Barriera”, una raccolta illustrata di Vallecchi. La protesta contadina e l’accorato accento di questi canti narrativi in ottave sono storia viva, vera, sofferta.
Da Il Lavoro, mercoledì 18 settembre 1974

Nella collana «Il bisonte» delle nuove edizioni Enrico Val­lecchi, Ivo Guasti e Franco Manescalchi presentano La Bar­riera, una raccolta di canti po­polari toscani del mondo con­tadino.
L’opera, illustrata da sei lito­grafie originali di Fernando Farulli, ha il duplice pregio di of­frire al lettore una vivace testi­monianza sugli aspetti più sa­lienti del mondo contadino ed un’elegante veste tipografica che rende il libro in se stesso un oggetto d’arte.
È, infatti, un’arte incisiva e dolente quella delle figure di Farulli, figure che balzano dal mondo operaio e contadino nelle bicromie rosso-nere, nero-azzurre con una violenza che richiama le asperità e la protesta del discorso artistico di Guttuso.
A queste sei litografie inserite nel contesto del volume, se­guono in appendice una serie di schizzi dello stesso autore e ar­ricchiscono la documentazione diverse fotografie che ritrag­gono aspetti di vita contadina in Toscana; i testi musicali delle canzoni ed un lessico delle espressioni idiomatiche com­pletano la ricerca nel modo più rigoroso ed esauriente.
Ma illustrare soltanto l’aspetto estetico e filologico della raccolta sarebbe fargli torto in quanto la ricerca tende piuttosto a sensibilizzare, per gli anni che vanno dal Risorgi­mento al fascismo, quegli aspetti sociopolitici che troppo spesso nel discorso sulla cultura popolare sono stati negletti ed evasi per dare piuttosto risalto ad accenti di carattere folkloristico.
Lo stesso titolo della raccolta, La Barriera, anticipa quelle considerazioni sulla condizione contadina che la raccolta ci of­fre l’occasione di fare: la bar­riera è, infatti, quella del dazio e delle gabelle che assoggettano la civiltà contadina emarginan­dola dallo sviluppo storico e dai mutamenti che lo determinano.
Non a caso nel loro commento Guasti e Manescalchi pon­gono particolare attenzione all’atteggiamento contadino nei riguardi del fenomeno dell’urbanesimo che, proprio negli anni considerati nell’ope­ra, si va formando ed affer­mando come ultima, definitiva dissoluzione di quella civiltà di tipo agreste – pastorale deli­neata nel primo gruppo di canti epico – lirici quali «Donna Mon­dana», «n pecoraro», «La pasto­ra».
Dai contrasti tra il cittadino e il contadino che si trovano, per lo più tra il gruppo dei canti nar­rativi in ottave, emerge, con una indiscussa vivacità, la frattura fra due classi sociali che non trovano nelle strutture econo­miche e nel sistema sociale loro contemporaneo uno sviluppo armonico ed un dialogo recipro­co: la città, agli occhi del conta­dino, vive con i mezzi offerti dalla campagna, ma si sviluppa sostanzialmente contro di essa; mentre la figura del cittadino si staglia come l’agognata e, ad un tempo, invidiata antitesi ad una condizione di vita che ha larga­mente superato i limiti della umana sopportazione.
Il dramma della emigrazione verso la città e l’abbandono delle terre non tarda, infatti, a farsi sentire nel gruppo dei canti monostrofici di cui fanno parte i rispetti e gli stornelli che, cantati in prevalenza da soggetti femminili, pongono l’accento su quest’ultimo dolente aspetto della questione.
Così ne «La fatica», dove i ver­si: «Non posso più cantar dalla vecchiaia perché son mamma di tanti figlioli. — E sette n’ho mandati a guardar l’aia e sette l’ho mandati a guardar buoi», sintetizza in pochi ma efficaci tratti quelle condizioni che pre­suppongono il rifiuto che in­forma i canti successivi. In que­sto quadro di miseria e sconfor­to, infatti, ai versi: «E in questo posto non ci voglio stare, non ci sono nata e non ci vo morire, neppure mi ci voglio maritare» fanno eco quelli di «Senza amo­re», dove la durezza delle condizioni di vita e l’abbrutimento che ne segue nullificano la spontaneità dei sentimenti.
Ma se la drammaticità della condizione femminile delle campagne viene sensibilizzata da questo atteggiamento di ri­fiuto, la sottolineano nondi­meno i sentimenti di nostalgia e rimpianto che riecheggiano ne «il lavoro stagionale» e ne «La coscrizione», dove i versi: «Oh porto di Livorno traditore! — m’hai portato il mi’ amore in alto mare, — me l’hai portato al porto di Tolone» e «Vittorio Manuelle cosa fai? — La meglio gioventù tutta la voi — E l’amor mio quando me lo ridai?», sottolineano quanto le cattive condi­zioni di lavoro e certe contrad­dizioni della politica piemon­tese abbiano contribuito a quell’abbandono dei campi di cui la donna fu vittima indiretta.
La durezza delle condizioni di vita, i soprusi di una amministrazione parassitaria non tar­dano a far maturare nell’animo dei contadini sentimenti di ri­volta che si possono definire come i prodromi di una latente coscienza di classe; i canti nar­rativi in ottave quali «Il bandi­to», «Il lamento dei mestieran­ti» e gli stornelli quali «Oh pre­te, oh prete », portano il germe di questo nuovo atteggiamento.
Il rabbioso anticlericalismo alla base di queste ultime can­zoni dimostra, infatti, quanto la triade «Chiesa – Re – Padrone » della paternalistica società ottocentesca fosse ormai dissacrata agli occhi dei lavoratori che ne avevano individuato le finalità.
Va da sé che la ribellione non raggiunge né la sistematicità, né la piena comprensione delle cause che l’hanno mossa, ma rimane, come ben definiscono gli autori di questa ricerca «una forma embrionale di coscienza civile ed un sostanziale anarchismo vitalistico» ed «una sorda resistenza contro il clericalismo, la piccola borghesia parassitaria e la aggregazione urbana».
Il quadro storico – sociologico si chiude così con queste immagini dense di rabbia e sofferenza che ci portano ad affermare, assieme a Giorgio Luti, prefatore di ricerca «Di questa situazione storica l’antologia offre una persuasiva testimonianza, per giunta sostenuta dal fascino dell’evocazione poetica, per cui la miseria e il dolore, l’ansia del riscatto e l’anelito ad una vita diversa assumono di frequente il volto della autentica evocazione d’arte».

Marina Quaglia

CANTI POPOLARI TOSCANI

Da Rinascita, 19 aprile 1974

Nel raccogliere i canti popolari toscani del mondo contadino (La Barriera, Firenze, Nuovedizioni E. Vallecchi, 1973, pagine 173, L. 10.000; il volume, di grosso formato, è corredato dei testi musicali e di ventitré tavole fotografiche sui diversi aspetti del mondo contadino in Toscana), i due curatori Ivo Guasti e Franco Manescalchi hanno deliberatamente, e giustamente, compiuto un’operazione su due piani, letterario e politico. Appartiene al piano letterario la divisione dei testi a seconda del genere e delle soluzioni strofiche (canti epico-lirici, rispetti e stornelli, canti in ottave, canzoni) con la distinzione fra i canti anonimi e quelli creati dai cantastorie, e le indicazioni storico-geografiche e delle fonti, fornite in testa ai capitoli e in calce alle singole poesie; ma è subito chiaro che a Guasti e Manescalchi poco interessa fare un lavoro di mera e agnostica filologia, mentre il loro intento è di predisporre certi testi con un’adeguata chiave di
lettura. In questo senso si spiega già il titolo della raccolta che, alludendo alla barriera daziaria, colloca questi canti popolari in un preciso momento del tempo e in una precisa situazione conflittuale; gli ultimi decenni dell’Ottocento dopo la proclamazione dell’unità, e la condizione di separazione-scontro fra città e campagna.
In simile contesto anche gli accenti «reazionari» non infrequenti nei can­ti possono assumere una diversa prospettiva e riguardarsi come «testimo­nianza della non partecipazione con­tadina all’affermarsi e al consolidar­si dell’ordine borghese»; e il carattere indiretto e velato del discorso socia­le che essi contengono (prevalendo piuttosto la protesta spontanea) può a sua volta esser visto come « la pri­ma forma di coscienza di classe, il primo embrione da cui scaturirà poi il folklore di protesta novecentesco ». E’ questa l’idea portante nella scelta dei testi e nella presentazione: la lo­ro sottrazione ad una talora sin trop­po facile, ma erronea, lettura odierna in chiave pseudo-romantica, individua­listica e qualunquistica, che riduce il folklore popolano toscano a cultura omologa di un’acquiescienza reaziona­ria. Al contrario, essa conteneva un’in­conscia e inquieta premessa alla co­scienza di classe che, dati i caratteri economici della regione ben differen­ziati da quelli di altre regioni del nord già in via di industrializzazione, si concreta eminentemente o in motivi campagnoli legati ancora ad una si­tuazione semifeudale o a motivi civili generali (la coscrizione obbligatoria, i dazi, l’invadenza del clero, etc.).
A questo punto, ci si potrebbe chie­dere se una visione così intenzionata possa assolvere in pieno anche le de­siderate pretese scientifiche; risponde­remmo di sì anzitutto per le note par­ticolari che connettono i testi letterari alle situazioni concrete che li hanno ge­nerati, ai temi della letteratura d’ap­pendice, alla produzione dei più illu­stri poeti-contadini, e richiamano le coincidenze dei temi musicali diffusi in varie regioni su testi simili o di­versi; per quanto riguarda il senso generale che ne vien ricavato, esso non intende evidentemente forzare il signi­ficato immediatamente leggibile nei versi, ma indicare una massa di valori ancora amorfa e tuttavia potenzialmen­te tesa a risolversi su livelli ideologi­ci più coscienti.

Giuliano Manacorda

LA RABBIA CONTADINA NEI CANTI DELL’800

Da L’Unità, 21 maggio 1975

le meglio ragazzine le son del prete. Oh prete, oh prete, oh prete non ba­ciar le donne non t’hanno messe nemmeno a guardarle, t’hanno mes­so a guardare le madonne». E’ l’ini­zio di uno dei tanti stornelli che, insieme a canzoni, rispetti e canti epici, formano la raccolta forse più in­teressante dèi canto popolare tosca­no. Il libro si intitola «La Barriera» (Nuove edizioni Vallecchi – il bison­te) ed è stato scritto da Ivo Guasti e Franco Manescalchi. La scelta, di tipo ideologico, ci offre la visione di un mondo contadino lontano ma non sepolto.Varrebbe la pena, da par­te degli organismi culturali pubblici, che ci si dedicasse una buona volta a diffondere questo patrimonio cul­turale nell’ambito dei giovani, delle scuole in particolare, anche se è da prendere che ci vorrà del tempo pri­ma che qualche assessore regionale, o di più modesto livello, si senta pre­parato ad impostare un program­ma di educazione musicale. Paolo Lucchesini e Luciano Gabrielli hanno ricavato da «La Barriera» uno spettacolo che è stato presenta­to alla S.M.S Rifredi per iniziativa dell’ARCI – UISP nell’ambito del convegno nazionale «Cinema, teatro, musica, sviluppo culturale di massa – partecipazione, programmazione sul territorio».
Lo spettacolo si articola in due par­ti: nella prima le canzoni descrivono il rapporto tra il contadino e il citta­dino; nella seconda parte il contadi­no prende coscienza del suo ruolo nei confronti della società, del lavo­ro, dello stato, della famiglia. Sono canzoni nate nell’Ottocento, in bilico tra la protesta e la rassegnazione, fra la coscienza di classe, ancora non maturata compiutamente e l’individualismo più schietto della gente toscana.
E’ uno spettacolo popolare che fa presa immediatamente sul pubbli­co. Gli autori e i cantanti – attori, in particolare il duo Bettini e Grazia Maria Fei, sono stati applauditi a lungo.
E’ uno spettacolo che forse non pia­cerà a coloro che del folk apprezza­no soltanto i risvolti snobistici e, in ultima analisi, consumistici, a colo­ro, insomma, che apprezzano soltan­to la canzone di protesta fine a se stessa, non legata ad un mondo e ad una cultura autentica. Ma lo spetta­colo è costruito per chi sa avvertire in quei testi i contenuti più genuini e schietti. E in questo senso l’esperi­mento è senz’altro riuscito.

Giovanni Errera

LA VEGLIA LUNGA

Da La Nazione, 20 dicembre 1978

cinque anni di distanza dalla pubblicazione de La Bar­riera, lvo Guasti e Franco Manescalchi hanno dato alle stampe La veglia lunga, che raccoglie canti contadini e del movimento popolare toscano. I due autori riprendono il la­ro profondo discorso sulla fun­zione del canto come espressio­ne creativa è comunicativa nelle cosiddette classi subalter­ne, esattamente dove l’avevano lasciato con La Barriera, cioè allo scoppio della prima guer­ra mondiale, individuati i pri­mi fermenti sociali e i rari mo­menti di aggregazione — e di conseguenza prese di coscien­za collettive — nei contadini, verificato anche l’innato sen­so anarcoide di una catego­ria, aggiogata allora a disuma­ni rapporti di mezzadria, ma più propensa al mugugno e alla rivalsa personale che alla lotta di classe.
Ne La veglia lunga sono gli eventi immanenti per tutta la nazione a far assumere ai con­tadini una posizione politica, ideologica più avanzata e a cercare elementi comuni di di­fesa. Prima la «grande guer­ra», poi il fascismo (la lunga veglia, appunto), infine la ri­bellione al regime e la libera­zione, sono i grandi eventi che cambiano la fisionomia del contadino toscano e lo indu­cono prima ad una propria re­sistenza silenziosa, personale e testarda, per passare poi ad una partecipazione attiva.
Questo cammino dei conta­dini toscani — in particolare del Mugello che è il territorio familiare agli autori — verso una più responsabile coscienza collettiva si segue attraverso le controcanzoni del ventenna­le e, per la prima volta, le scritte murali apparse soprat­tutto in città, a Firenze. Il ma­teriale raccolto e classificato cronologicamente con amore e rigore non è ricco come ne La Barriera, che spaziava in tem­pi e temi più vasti, ma riesce ad esprimere con intensa dram­maticità i sentimenti di liber­tà e di democrazia di una «fronda» che, pur avendo rin­novato nel periodo fascista la sofferenza di un’atavica op­pressione, è riuscita a mante­nersi viva culturalmente e a preparare gli animi alla Resi­stenza. In questo senso La ve­glia lunga assume il valore di essere il primo testo organico – ampiamente documentato – sull’esistenza di un folclore alternativo nel periodo fascista.
Semmai si potrebbe obiettare sull’originalità musicale degli «altri canti» del venten­nio, quasi nessuno sorretto da una propria ispirazione: le pa­role sono adattate su vecchi motivi tradizionali popolari o patriottici o, meglio ancora, sulle note delle canzonacce del regime, presente una vena sa­tirica dirompente. E non si tratta di una scelta banale, a portata di mano, ma di un’operazione sottile di appro­priazione di codici di compren­sibilità familiari, quindi più efficaci per far circolare il messaggio. Ne La veglia lunga, infine, non mancano accenni polemici verso chi ebbe a di­sconoscere un impegno ideolo­gico ne La Barriera. La rispo­sta è chiara in questa seconda ricerca operata in un diverso periodo storico: attribuire al contadino toscano, a cavallo fra i due secoli, la stessa identità politica di quello fra le due guerre sarebbe stato solo una mistificazione di comodo.

Paolo Lucchesini

CHI SFOTTE LA GENTE BONINA

Da Il Mattino di Napoli, 1 aprile 1986

«Cicerenella teneva ‘nu gallo, / tutt’e nnotte nce jeva a cavallo…» Quaggiù; e in Mugello («Cicerenella teneva teneva», già, «e nisciuno», cca, «’o ssapeva»…), in Mugello «gli aveva un pode­re, / tutti i giorni l’andava a vedere», «pan biscotto e mortadella, / viva la moglie di Cincirenella» (così gli ag­graziano lassù quel nome, da risatella). Dunque tutto il mondo è paese, puranco di Cicerenella, nonché di Pulicenella e di Cenerentola-Cinderella.
Lumina conclude la felice trilogia di Guasti e Manescalchi sul canto popolare toscano. Della quale il primo volume, La barriera, ha in­teso documentare la com­plessità della struttura di quel canto, dai tre versi del­lo stornello e dall’unica otta­va del rispetto «spicciolato» ai componimenti di ben mi­nor risparmio epico-lirici. Nel secondo volume, La ve­glia lunga, si è voluto in particolar modo dimostrare come nel ‘900 e anche durante il ventennio del «silen­zio», una sana e ferma co­scienza politica contadina «si sia espressa mediante il sot­tile, sotterraneo (ma nean­che poi troppo) filo rosso del canto popolare». In Lumina, dice Marino Biondi prefato­re, «si attraversa, il reperto­rio magmatico delle massi­me e dei proverbi di vita contadina», e la «ricerca ten­de a compiersi con riscontri di sapienza amara, ma anche con la gioia dei canti, delle ninne nanne ai giochi infantili, dai canti narrativi agli stornelli, dalle ballate dei cantastorie alle canzoni».
Il cantamaggio e la lette­ra del soldato, il cacciatore e l’emigrante, il «diritto di maggioranza» e il contrasto in ottava rima fra la ricca e la povera sulla guerra libica. C’è Cincirinella e c’è Madama Dorè, Marcellina «giù per le scale / con le mani sotto al grembiule / passa un giovane ufficiale…», e Fedora, che «no, no, e la disse la bella, / se tu m’ami con te vo’ venire / da queste pene ne voglio sortire / anderemo a goderci nel ciel. / Tira fuori il suo lungo brac­cìno / con in mano una vec­chia pistola / il primo colpo lo spara a Beppino / il se­condo lo spara per sé. // Ge­nitori se avete dei figli / non li fate patir nell’amore, / che succedono tanti perigli / e la colpa è di voi genitor». Ma voi altre poi, benedette figliole mie, «ragazze buo­nasera / non date retta ai preti / se no i vostri segreti / scopriranno / … / L’ha fat­to un bel bambino / somiglia tutto il prete / tra poco lo vedrete / se gli è vero…» Oh le saran bischerate: linguac­ce risapute; che però subito poi anche si purgano cantan­do «i tre miracoli della Ma­donna di Lourdes» o la storia della Madonna del Sasso. «Mamma mia mi sento male / per la cosa che in orto ci sta», e la mamma dagli a enumerare – cicoria, lattuga, carote… – e la su’ figliolona a pestar «no e no, / quella ‘un fa bene pel male che ho»; e finalmente: «c’è l’ortolano, / se tu lo vuoi io te lo do»; ci siamo! sì e sì e sì / quello fa bene pel male che ho qui».
Sezioni massime e proverbi. «Il mal della caviglia / il sa­bato va via / e il lunedì ripi­glia»: «lavoro di donna e con­cio di vacche / ci se ne ac­corge quando si batte». Che non è affatto rampogna di villanzon maschilista alla compagna sua, se ecco poi viene «Chi lavora mangia / chi non lavora mangia e beve», e, giunta alla derrata, «È meglio tremare un anno / che lavorare un giorno». Tutto il mondo è paese: «Non rimandar mai a doma­ni quel che si può fare dopo­domani»; «il lavoro è la ma­ledizione delle classi che be­vono…»: gli è il signorino Oscar (Wilde). Il buttero ma­remmano e il leggiadro dandy, sottobraccio, per via de’ Cerretani o via dell’Ariento a sfottere la gente bonina che corre per via dell’Ariento (= argento).

Alberto Mario Moriconi

IVO GUASTI E FRANCO MANESCALCHI: IL PRATO AZZURRO

Da Toscana Folk, anno 2 n.2, maggio 1997

 

Guasti e Manescalchi sono due fra i più esperti ed autorevoli studiosi del mondo popolare toscano, soprattutto profondi co­noscitori di quella tradizione orale che at­traverso le storie, i canti, i proverbi è giunta fino a noi intatta e che la civiltà co­siddetta dei consumi ha devastato irrime­diabilmente fino quasi a farne perdere le tracce. E tuttavia attraverso la conserva­zione di documentazioni come queste che speriamo di poter tramandare a chi verrà dopo di noi la memoria del passato, quel mondo contadino così ricco di cultura e di valori che oggi sembra, anche a noi che lo abbiamo vissuto, lontano anni luce. Chi scrive ricorda ancora LA BARRIERA (1973), il primo libro di Guasti-Manescalchi, come uno dei più stimolanti approcci al mondo delle tradizioni popolari to­scane; La Barriera era anche uno spetta­colo itinerante che abbiamo più volte ap­plaudito nelle piazze toscane, uno dei me­glio impostati e che ancora oggi potrebbe figurare degnamente nel calendario delle più serie manifestazioni folkloristiche. A questo seguirono LA VEGLIA LUNGA (1978) una raccolta di canti contadini composti nell’arco di tempo fra le due guerre mondiali, la documentazione, come dicono gli autori di un “folclore al­ternativo al regime fascista”, un mondo che finora era restato chiuso all’interno del podere e/o del paese e che ora con la nascita dei partiti popolari, dell’attività sin­dacale “si apre, muta le sue tradizioni con­cretandole in momenti di lotta e di batta­glia politica”.
Nel 1984 esce LUMINA, memorie mas­sime e canti popolari nel mondo conta­dino toscano; “Troppo spesso, si legge nell’introduzione, oggi si lega il concetto di cultura contadina con un naturalismo festaiolo, privo totalmente di coscienza storica…si torna alle radici del canto, ma anche dell’uomo di oggi. La famiglia, l’a­more, l’infanzia, il lavoro, la guerra, la religiosità, le feste, il rapporto di classe, le forme dell’antica saggezza sono temi qui riproposti come problemi del tempo”.
L’eterna saga del canto popolare non è fi­nita (non può finire) ed ecco l’ultimo la­voro IL PRATO AZZURRO, “l’ascolto del tempo”, fiabe e storie tramandate da ge­nerazione mentre le ore trascorrevano lente davanti al canto del fuoco. Gli au­tori sono ancora a ricordarci questo mondo magico, popolato di fate e di prin­cipi, di maghi e di streghe, il silenzio reli­gioso che si faceva intorno al narratore…e ancora il rincorrersi dello stornello da pog­gio a poggio, l’antica saggezza delle mas­sime e dei proverbi, questo è l’ascolto del tempo, un tempo remoto che viene da civiltà antiche e che ha portato fino a noi la voce della storia. In questa quadrilogia si ritrova l’anima più vera e genuina di una regione toscana, il Mugello, una terra antica, ricca di tradi­zioni e di memorie che Guasti e Manescalchi non hanno ancora finito di inda­gare. IL PRATO AZZURRO è un “lavoro che è l’ultimo, “e non lo è”. Il libro è stato presentato il 21 dicembre a Barberino di Mugello, da Carlo Lapucci e Paolo Bagnoli, nella sala consiliare del Co­mune. Lapucci ha sottolineato come la ri­visitazione di ciò che con troppa fretta ave­vamo abbandonato, come vecchi mobili, si presenti simile con i resti della tradizione orale che ci è stato restituita con questo li­bro, che è qualcosa di più che una curio­sità letteraria.
Avere questi testi, ha detto ancora, signi­fica avere i confronti con l’identità di una comunità che qui lascia impresso la sua fi­sionomia, il suo ritratto. Non abbiamo il diritto di sottrarli a coloro che verranno. Sullo stesso piano si è espresso Paolo Ba­gnoli che ha mostrato di apprezzare que­sto libro della memoria collettiva, una me­tafora di civiltà, un libro piacevole ed edu­cativo e anche un po’ malinconico. Anche secondo gli autori IL PRATO AZZURRO è una metafora del rapporto che esiste fra cielo e terra. Ognuno di noi è dentro il prato azzurro, il nostro è un mondo ag­gredito che scompare di fronte alla civiltà industriale, ma rimane la cultura di questa civiltà, la favola, il proverbio, il modo di dire, il canto.
Aggiungiamo anche qualcosa sulla forma oltre che sul contenuto di questo libro, che è bello, con una ricca documentazione fotografica tutta inedita, le piacevoli xilo­grafie di Sirio Midollini, un ampio glossa­rio sul parlar toscano nel Mugello e nella Val di Sieve, le trascrizioni musicali dei canti. Un libro elegante, con una solida rilegatura, fatto per durare nel tempo come tutti i libri importanti devono essere. È importante infine ricordare che questa pubblicazione è stata resa possibile per il contributo concreto di un’ampia schiera di patrocinatori (la Banca di Credito Cooperativo del Mugello ma anche negozi al dettaglio, piccole imprese, studi tecnici), questo dimostra come anche gli impren­ditori locali abbiano a cuore le memorie storiche della terra in cui operano.

Alessandro Bencistà